VITTORIA ASSICURAZIONI, 2018 PIÙ CHE POSITIVO. NUOVO ESERCIZIO ALL’INSEGNA DI CRESCITA E INNOVAZIONE


 

L’Assemblea degli azionisti della compagnia assicurativa milanese ha approvato i risultati del bilancio d’esercizio 2018: la raccolta premi cresce del 6,3% ad oltre 1,42 miliardi di Euro e l’utile netto segna un incremento del 27,1% a 99,6 milioni. Il ROE consolidato sale al 12,7% (10,8% nel precedente esercizio) e il Solvency II ratio si rafforza al 256,8% (216,1% a fine dicembre 2017).

Il dividendo in distribuzione aumenta a 0,30 Euro per azione (dagli 0,28 Euro per azione del precedente esercizio).

 

 

Rinnovate anche le cariche sociali: segnali di continuità nel CdA, dove sono stati confermati gli incarichi per Carlo Acutis (presidente emerito), Andrea Acutis (presidente) e Cesare Caldarelli (amministratore delegato)

Si è riunita oggi l’Assemblea ordinaria degli azionisti di Vittoria Assicurazioni, che ha approvato la Relazione del CdA ed il bilancio al 31 dicembre 2018.

La compagnia assicurativa milanese chiude l’esercizio con un bilancio più che positivo, registrando un trend in crescita sia a livello economico che patrimoniale. L’utile netto si attesta infatti a 99,6 milioni di Euro, con un incremento del 27,1% rispetto al 2017, mentre il patrimonio netto aumenta del 11,1%, raggiungendo quota 810,3 milioni. Grazie agli risultati del 2018 la compagnia investirà ulteriormente in tecnologia applicata, formazione e ulteriore valorizzazione degli agenti.

Le indicazioni arrivate anche dalla raccolta premi – in crescita complessiva ad oltre 1,42 miliardi di Euro (+6,3%), con andamenti al rialzo sia per nei Danni (+4,2% a 1,2 miliardi) che nel Vita (+19,4% a 228 milioni) – confermano non solo il buon andamento della compagnia, ma anche la sua solidità finanziaria; una solidità “rafforzata da un piano strategico che prevede il reinvestimento della quasi totalità dell’utile a favore del consolidamento e dello sviluppo della Società in termini di formazione, valorizzazione di tutta la rete distributiva e innovazione di servizi per i clienti finali. Questo livello di capitalizzazione consentirà infatti la realizzazione di progetti tecnologici e innovativi di ampio respiro”.

Per quanto riguarda la performance dei principali comparti di attività, nei rami Danni la raccolta dei premi Auto è risultata in crescita del 5,9% a 867,9 milioni di Euro per effetto di una più puntuale classificazione tra rami ministeriali. Per la stessa ragione la raccolta dei premi Non Auto è in lievissima riduzione (-0,2 a 327,9 milioni). A perimetro omogeneo i premi Auto crescerebbero del 3,9% e i premi Non Auto si incrementerebbero del 4,7% rispetto allo scorso esercizio. Il combined ratio conservato è in peggioramento di 2,5 punti percentuali a 92,5% e riflette il parallelo deterioramento del rapporto sinistri a premi (da 65,1% a 67,6%). L’andamento positivo dei rami Vita è invece legato alla conclusione di nuovi accordi distributivi.

Gli indicatori collegati a gestione finanziaria e situazione patrimoniale registrano, oltre al dato sul patrimonio netto, investimenti complessivi pari a 3,57 miliardi di Euro, in crescita del 12,3% rispetto al 2017. Il Solvency Ratio calcolato utilizzando la formula standard è pari a 256,8%, in deciso rafforzamento rispetto al valore di 216,1% di fine dicembre 2017, grazie anche all’effetto del prestito obbligazionario subordinato di 250 milioni di Euro, con durata decennale, emesso a luglio 2018.

L’Assemblea ha quindi approvato la distribuzione di un dividendo pari a 0,30 Euro per azione (in crescita rispetto agli 0,28 Euro dell’esercizio precedente) e provveduto al rinnovo delle cariche sociali, nominando il nuovo CdA per gli esercizi 2019, 2020 e 2021.

Il nuovo Consiglio sarà composto da Adriana Acutis Biscaretti di Ruffia, Andrea Acutis, Carlo Acutis, Cesare Caldarelli, Luciano Gobbi, Maria Antonella Massari, Giorgio Marsiaj, Urs Minder, Marzia Morena, Luca Paveri Fontana e Giuseppe Spadafora. Il CdA riunitosi dopo l’Assemblea ha confermato Carlo Acutis quale presidente emerito, Andrea Acutis alla presidenza e Cesare Caldarelli alla carica di amministratore delegato.

L’Assemblea ha inoltre nominato il Collegio Sindacale, che sarà composto da Giuseppe Cerati (presidente), dai sindaci effettivi Giovanni Maritano e Francesca Sangiani e dai sindaci supplenti Antonio Salvi e Luca Laurini.