Le auto elettriche ed ibride sono obbligate a ”fare rumore”

 

Si chiama AVAS l’avvisatore acustico che, riproducendo un suono artificiale, permette ai veicoli elettrici ed ibridi di essere percepiti a livello sonoro. L’obbligo di legge è scattato dal 1° luglio 2019

Un fischio quasi impercettibile contraddistingue i veicoli a propulsore elettrico di ultima generazione, rappresentando un rischio per gli utenti della strada che, verosimilmente, potrebbero non accorgersi di un mezzo circolante nelle proprie vicinanze. Per l’effetto, dall’Europa (rectius, Unione Europea) si è corsi ai ripari predisponendo uno specifico obbligo tramite il Regolamento n. 138 della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite (UNECE), recante “Disposizioni uniformi relative all’omologazione dei veicoli silenziosi adibiti al trasporto su strada (QRTV) in relazione alla loro ridotta udibilità”.

Il Regolamento in parola si applica, in relazione alla loro udibilità, ai veicoli elettrici di categoria M e N che possono essere azionati in modalità normale, in retromarcia o almeno con una marcia avanti senza motore a combustione interna in funzione.

A partire dalla start date del 1° luglio 2019, per effetto della citata normativa, ogni esemplare di veicolo elettrico e ibrido, che sia immatricolato in uno Stato dell’Ue, deve essere dotato di un sistema di allarme acustico del veicolo (dispositivo “Avas”), prodotto tramite uno speaker e non disattivabile, così generando un effetto acustico anche sulle silenziosissime modern cars. L’intensità deve essere ricompresa nell’intervallo tra i 56 ed i 75 decibel (un’automobile tradizionale emette, in media, 75 decibel).

Il livello sonoro, personalizzabile dalle case costruttrici, varia a seconda dell’accelerazione e decelerazione del mezzo, similmente al rumore prodotto dal motore a combustione interna. L’attivazione dell’AVAS è obbligatoria fino a una velocità di 20 km/h ed in retromarcia.

Per le auto ibride ed elettriche immatricolate prima dell’entrata in vigore dell’AVAS, lo stesso legislatore UE ha assegnato, come termine ultimo di adeguamento alla disciplina europea, la data del 1° luglio 2021.

Audi ha annunciato che tutte le e-tron e le e-tron Sportback sono già dotate di sistema di segnalazione acustica di tipo AVAS per avvertire gli utenti della strada della presenza dell’auto: «La nostra esigenza è quella di rendere la vettura percepibile a livello sonoro, inoltre il suono deve essere piacevole e identificare il marchio dei quattro anelli», spiegano in Audi.

L’avvisatore è in grado di “comunicare” a livello sonoro i movimenti della vettura attraverso un impulso adattivo, cioè capace di essere ritarato in base alla velocità e all’accelerazione della vettura.

.